La bellezza della parola Cura

Tempo di lettura: 2 minuti

Recensione di Sonia Scarpante di “La Cura” di Franco Battiato

Quanto la parola può condurci per mano riuscendo ad alimentare il nostro senso, la fiducia verso il domani? La parola Cura è parola felice perché ci può aiutare in una società che ha fortemente bisogno di essere parte inclusiva, di valorizzare l’essere umano. 

La cura è diventata per me parola essenziale di vita e non potrebbe essere diversamente come Presidente dell’Associazione “la cura di sé” che fa riferimento anche al progetto di scrittura terapeutica.

In questi anni sono stata colpita e affascinata molto dalla canzone di Battiato “La cura” e spesso l’ascolto perché in essa ritrovo me stessa e la grande forza che ha esercitato per me la scrittura intesa come Cura e conoscenza di sé. 

Battiato inizia la sua canzone proprio con parole traslucide che sono anche mie: Ti proteggerò dalle paure delle ipocondrie Dai turbamenti che da oggi incontrerai per la tua vita…e mi sembra proprio di entrare nel vivo della scrittura che negli anni mi ha protetta dai turbamenti e dalle paure prestando fede ad essa, dando fiducia a quel segno veloce su carta bianca. Più seguivo il suo incedere più essa mi insegnava ad appropriarmi della mia forma, a proteggermi dalle intemperie, dalle ingiustizie e dagli inganni del tuo tempo. 

La scrittura che si allinea alla forza della vita…imparando a crescere nei fallimenti…

Il cantautore scrive ancora… Ti solleverò dai dolori e dai tuoi sbalzi d’umore, parole che potremo dire ad un nostro amato ma anche alla alchimia della scrittura che ci aiuta ad entrare nel dolore per trasformarlo in forza e capacità, in resilienza. 

Supererò lo spazio e la luce per non farti invecchiaree questo è anche nel potere e nella grazia della scrittura che sa portarci altrove se ci facciamo sedurre da essa; sa aprirci alla luce regalandoci quell’intuito del bambino che sa godere della bellezza della vita e del mondo. 

E guarirai da tutte le malattie perché sei un essere speciale. Ed io avrò cura di te”. 

Queste parole risuonano egregiamente in me perché lo scrivere è nato proprio dalla cura di una malattia vissuta in quel lontano 1998; la consapevolezza di una scrittura speciale è diventata spazio del vissuto quotidiano e quel “Io avrò cura di te” è alimento costante verso una pratica che è sempre più avvincente, di crescita personale. 

Ti porterò soprattutto il silenzio e la pazienza”. Battiato scivola felicemente sulle parole e non potrebbe essere altrimenti, questo è l’incontro con la scrittura perché senza silenzio e pazienza la scrittura non brucia, non ci eleva. 

Ed infine chiosa così con la sua canzone Ti salverò da ogni malinconia perché sei un essere speciale ed io avrò cura di te. Io sì, che avrò cura di te.” 

Una lettera, questa, una canzone la sua che possiamo far recapitare alla vita, alla scrittura, all’amato.

Informazioni sulla Canzone
Titolo: La Cura
Autore: Franco Battiato  

Condividi articolo
Default image
Sonia Scarpante
Marinella Scarpante, Sonia, è un architetto milanese con la vocazione per la scrittura. Dopo una malattia oncologica ha pubblicato il libro Lettere ad un interlocutore reale. Il mio senso, a cui hanno fatto seguito diverse prestigiose pubblicazioni. Presidente de La cura di sé collabora con numerose riviste e associazioni. Scrittrice prolifica, è una delle maggiori esponenti nazionali della scrittura curativa, attraverso i suoi master e corsi insegna il metodo Scarpante della cura di sé attraverso la narrazione. Ha pubblicato anche su riviste scientifiche all’estero e fra queste si annovera la prestigiosa e autorevole rivista americana“ Academia”.
Articoli: 10

4 Commenti

    • Grazie Mariangela e come lei ha ben compreso credo fortemente nella forza della scrittura, nel suo impeto vitale, nella creazione di senso che crea quando rimaniamo allineati alla sua coerenza.

  1. Complimenti Sonia una missione davvero speciale la tua, il testo di Battiato calza perfettamente con il tuo spirito e i tuoi ideali.

  2. Ciao Sonia, parole delicate che ci offrono uno sguardo sul valore della cura.
    Mi arriva al cuore la frase di Battiato “Ti porterò soprattutto il silenzio e la pazienza”.
    Grazie

Lascia un commento